RSS

Bianchi 2011 arrivano Oltre e Sempre

Presentazione dei modelli, foto e breve test - 31 ott 2010

Bianchi ha festeggiato il 125° anniversario anticipando alla stampa le novità che vedremo nel catalogo 2011. Sono state presentate due novità stradali che puntano decisamente a chi utilizza la bici per le competizioni. I due nuovi modelli si collocano al top di gamma e nella fascia media. Sono il frutto di uno studio specifico sulle fibre di carbonio per ottenere risultati di alto livello.

Oltre

Nella classifica di prodotti la nuova “Oltre” è una bicicletta della linea HoC (Hors Categorie) che Bianchi pone significativamente nel settore “altissima gamma”, sottolineando il superamento di quella alta gamma dove rimane in catalogo il telaio 928 SL IASP.

Cliccare per ingrandire l'immagine.

Il telaio Oltre nasce da una filosofia progettuale che punta senza compromessi alla prestazione e alla leggerezza sacrificando, come è logico che sia in questa gamma il fattore prezzo e il comfort. Ma non pensiate che si tratti di un telaio scomodo, anzi.

Un breve video "panoramico" sulle nuove bici durante il press meeting. 

Il progetto Oltre raggiunge anche un ottimo livello di design sfruttando linee aerodinamiche che non farebbero sfigurare il telaio in un allestimento da cronometro.

Entriamo nel dettaglio del nuovo telaio.

Il carbonio impiegato

La fibra di carbonio impiegata per questo monoscocca è la UMS40, classificata tra le fibre “Ultra high Modulus) che viene data per un carico di rottura di 4620 Mpa unita a carbonio IMS60 (carico di rottura addirittura a 5800 Mpa). La combinazione delle pelli di carbonio nella sovrapposizione con cui vengono inserite nello stampo, permette un risultato notevole in termini di rigidità del telaio finito. L’impiego di nanotecnologie permette un aumento di resistenza a rottura che Bianchi ha quantificato in 49 punti percentuali.

«I test effettuati – affermano i tecnici Bianchi – ci hanno permesso di stabilire che con la nanotecnologia aumenta la durata nel tempo del telaio».

La ricerca della leggerezza ha portato a definire un telaio del peso definito di 950 grammi nella misura 55 cui vanno aggiunti circa 350 grammi di forcella.
Qualcuno potrebbe obiettare che sul mercato si possa trovare di meglio in termini di peso. È vero, ma la linea aerodinamica e la robustezza assolute non badano a compromessi. Particolare anche le tecnologie costruttive impiegate:

UTSS e X-TEX

Nello sviluppo aerodinamico e quindi dai profili importanti, è evidente la controtendenza dei pendenti posteriori decisamente sottili. L’acronimo impiegato da Bianchi è Ultra Thin Seat Stay (UTSS, appunto) e nasce dalla considerazione che queste sezioni del telaio hanno lo scopo principale di distribuire i carichi sul telaio ma non hanno una diretta ripercussione nell’efficienza della prestazione.
Punta ad irrobustire il telaio, invece, la tecnologia X-TEX. Si tratta, sostanzialmente, dell’aggiunta di materiale in punti critici interni al telaio (in particolare nella zona di sterzo che subisce sollecitazione lungo più linee di sviluppo).

L’ottimizzazione del processo costruttivo ha permesso di ridurre la formazione di micropieghe nella parte interna del telaio eliminando, così, la necessità di aumentare gli spessori, e quindi il peso, del telaio. Questo tipo di lavorazione è stato chiamato Wrinkleless Molding Process (WMP).

Un particolare dello sterzo con la tecnologia X-TEX.

La serie sterzo conica (1” 1/4- 1,5”) e il movimento centrale predisposto per il BB30 completano la ricerca di rigidità della Oltre.

Ecco alcune immagini della Oltre.

Il tubo di sterzo è conico. Nella parte inferiore il diametro è da un pollice e mezzo.

Scatola movimento centrale BB30 con CUPS adattatrici per Campagnolo.

Reggisella aerodinamico con collarino affogato nel tubo superiore.

Sottilissimi i pendenti posteriori.

La forcella in monoscocca ha profilo aerodinamico.

Ecco come funziona il collarino reggisella nell'elaborazione del CAD.

Qui, invece, il disegno particolare dei pendenti.

Nell'elaborazione geometrica il telaio Oltre mette in evidenza l'aerodinamica.

Sempre

Su un gradino appena inferiore nelle categorie Bianchi troviamo un altro nuovo ingresso nel catalogo della casa di Treviglio. La scelta del nome “Sempre” pone l’accento proprio sulla versatilità per cui è stato progettato questo telaio.

Il telaio

Anche in questo caso si tratta di una struttura monoscocca evoluta con nanotecnologia. I pendenti posteriori sottili (UTSS) sono combinati con i foderi bassi di grande dimensione per aumentare la trasmissione della potenza.
Il telaio Sempre è un migliore compromesso tra peso (il telaio fa segnare 1.120 grammi nella taglia 55), prezzo,  e prestazioni, con un po' più di comfort (sebbene, come specifichiamo più avanti, nel corso della nostra prova le prestazioni sono risultate tutt’altro che un compromesso).

Altri componenti

La bicicletta è completata da una forcella aerodinamica con stelo in alluminio e da componenti personalizzati realizzati in sinergia con FSA.

Il telaio sempre mette in evidenza il comfort.

 

Il logo della nanotecnologia impiegata da Bianchi.

Componenti personalizzati da Fsa il Reparto Corse.

Prova e considerazioni

Nel press meeting organizzato da Bianchi abbiamo avuto modo di provare entrambi i modelli di cui vi abbiamo parlato. La sensazione è netta, pedalando sull’Oltre, di un telaio votato alle competizioni e pensato per una reattività assoluta. Sarà apprezzato sicuramente dai corridori, mentre chi non è in cerca di emozioni così estreme avrà bisogno di un po’ di adattamento iniziale. Una volta domato, però, il divertimento è assicurato. Nelle curve strette in discesa l’abilità del ciclista viene esaltata e la sensazione è realmente che la bici vada esattamente dove si vuole.

Il telaio della Sempre ricalca la geometria Oltre ma, ovviamente, con una tecnologia costruttiva leggermente inferiore (di qui il peso maggiore).
La rigidità è notevole tanto che si può suggerirlo tranquillamente anche per chi si dedica alle competizioni. Montato con un gruppo top di gamma permetterebbe di realizzare una bici comunque leggera in grado di ben figurare in gara.

Montaggi

Per entrambi i modelli Bianchi prevede la disponibilità del kit telaio affianco ad una proposta di montaggi di diverse scelte. La componentistica può essere scelta nel top d gamma Campagnolo e Shimano per la Oltre e nei gruppi di media gamma pe la Sempre. Per quest’ultima c’è anche la disponibilità di un modello montato con il nuovo Apex di Sram. La scelta dei gruppi Shimano (e Sram) prevede l’impiego di guarniture FSA, mentre per Campagnolo la serie è completa (con le apposite calotte realizzate dalla casa vicentina per consentire il montaggio sui telai predisposti per BB30). I prezzi, soprattutto per la Sempre, saranno interessanti. Nella versione con il gruppo 105 di Shimano ci è stato anticipato che sarà al di sotto dei duemila euro.

Misure

Per entrambi i modelli le misure disponibili sono sei. Niente male per un monoscocca.
Curiosa la scelta, per i modelli dedicati della gamma, di abbandonare la geometria Lady, a favore della normale geometria per ciclisti di piccola statura. «La scelta è stata dettata dal mercato – ci ha spiegato Angelo Lecchi, ex professionista ed ora Product Marketing in Bianchi – perché le donne che fanno competizione finivano comunque per chiederci geometrie maschili.
«Piuttosto abbiamo preferito adattare i modelli specifici con componenti opportunamente studiati, come i manubri compact che consentono di avere le leve più vicine alla curva manubrio e, ovviamente, le selle dedicate.

Di seguito ecco le geometrie dei due nuovi telai Oltre e Sempre e anche dell'Infinito già presente in catalogo.
cliccare qui per visualizzare le geometrie in pdf.

Andrea Noé, corridore della Ceramiche Flamina, squadra sponsorizzata Bianchi, in una fase della pedalata con i giornalisti. Insieme a lui c'era anche Daniele Colli.

Una torta speciale. Nel 2010 Bianchi festeggia il 125° compleanno.

I telai prototipo dedicati al test della stampa internazionale non hanno ancora le grafiche definitive.

Sopra e sotto le tipologie di fibra di carobnio impiegate da Bianchi per i telai della gamma 2011.



totale 7 commenti:

Sempre fantastica bici di: Marco

La sempra è una bici fantastica se potete prendete modello montata Ultegra il 105 è troppo poco secondo me. La bianchi è da molti anni azienda Svedese se non erro cmq non è italiana purtroppo

Tradizione interminabile di: Pierluigi

Ricordo quando ero bambino mio padre che andava in bici con la sua meravigliosa Bianchi, quel colore inconfondibile, bellissimo... adesso che ho superato i 40, anche io vado in bici, e non vedo l'ora di possedere anche io la mia bianchi, stupenda, la infinito sarà presto mia..... anche se non ci sei più papà....

Io la SEMPRE l'ho già acuistata!! di: Alessandro

ho acquistato da due mesi la SEMPRE e devo dire che è proprio come la descrivono giornalie siti:fantastica!! Rispecchia tutte le mie aspettetive!

commento di: Lunghi Luigi Gianni

posseggo una Wilier Mortirolo da 1 anno,devo dire vedendo le foto e immagini di queste 2 meravigliose Bianchi,che se potessi prenderei subito una Sempre,ovviamente non voglio disprezzare la mia Wilier che mi ha dato e ancora mi da grandi soddisfazioni,congratulazioni alla Bianchi per questi 2 gioielli,sono sicuro che faranno molta stada.Cordiali saluti da Luigi Gianni Lunghi.

Potrebbe essere il nuovo slogan Bianchi.... di: Magnum

L'INFINITO desiderio di pedalare su Bianchi va OLTRE ogni cosa: da sempre, per SEMPRE.

BIANCHI STRATOSFERICHE ! di: LUCIO CICERONI

Da 5 mesi pedalo su INFINITO e sono ultra soddisfatto. Spettacolare la OLTRE e bella anche la SEMPRE. Non vedo perchè comperare straniero. Diamo lavoro ai nostri operai, che non temono confronti con nessuno!

treviglio s'è svegliata??? di: roberto

mi sa proprio di si... sia la oltre che la sempre sembrano davvero spaziali.. nn vedo l'ora di provarla e magari, di tornare a comperare italiano finalmente. Credo proprio che Bianchi ha trovato un nuovo cliente. :-) bravi.